Il "Premio Bacco" viene assegnato nell`ambito del Festival Internazionale del Cinema di Berlino dai critici e dagli inviati italiani presenti.

L’intuizione originale del premio - nata il 21 febbraio del ‘93 ad uno dei tavoli del prestgioso ristorante Bacco – è ormai considerata il fulcro di questa bella iniziativa collaterale della Berlinale.

Il Cenacolo dei critici fondatori era composto dai seguenti habitués: Alfio Cantelli, Valerio Caprara, Giovanni Grazzini, Lino Miccichè, Tonino Pinto, Claudio Trionfera,
Livio Zanotti e Massimo Mannozzi che ne è l`ideatore, finanziatore e Presidente onorario.

Il "Premio Bacco" viene assegnato ogni anno a conclusione del Festival ed è destinato all’artista che abbia meglio o con più forza interpretato, nei film italiani
selezionati, l’intensità dei valori del cinema come specchio della vita. Ne sono stati sino ad oggi insigniti Gerry Cala`, Mario Monicelli, Isabella Ferrari, Ricky Tognazzi, Mariella Valentini, Diego Abatantuono, Giancarlo Giannini, Remo Girone e Gabriele Salvatores.

Da dieci anni il Cenacolo e l’Associazione Incontri Berlinesi assegnano inoltre il "Premio Bacco Speciale", consegnato nel corso della stessa serata di Gala "Nottedelle Stelle", ad attori o personalità del cinema di fama internazionale. La prestigiosa serata si svolge alla presenza di un folto pubblico in rappresentanza del mondo culturale, politico e cinematografico.

Il premio, che si giova del patrocinio dell’A.N.I.C.A. e della professionale collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura, è stato già conferito a: Sofia Loren, Claudia Cardinale, Stefania Sandrelli, Jürgen Prochnow, Laura Morante, Volker Schlöndorff, Wolfgang Stumpf, l’Onorevole Walter Veltroni, Giuliano Gemma, Zhang Yimou, Luciano Emmer, Bruno Ganz, Gudrun Landgrebe, Mario Adorf, Armin Müller-Stahl, Heiner Lauterbach, Uwe Ochsenknecht, Volker Brandt, Vadim Glowna, Franka Potente, Iris Berben, Luigi Falorni e Moritz Bleibtreu.

Attualmente il Cenacolo conta tra i suoi membri Valerio Caprara ( Presidente ),Tonino Pinto, Silvio Danese, Irene Bignardi, Roberto Nepoti, Maurizio Porro, Maurizio Cabona, Fulvia Caprara, Roberto Giardina oltre al direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Prof. Angelo Bolaffi.